UA-74246219-1

Sabato 26 Novembre, festeggiata Santa Cecilia con la banda "Del Val-Pegorini"

img-20161126-wa0011

Durante la Santa Messa vespertina di oggi, sabato 26 novembre, la nostra parrocchia ha voluto onorare Santa Cecilia, vergine e martire, patrona della musica, dei musicisti e dei cantanti.  Erano presenti in chiesa alcuni dei musicisti della banda "Del Val-Pegorini" che guidati dal loro maestro Valter Bolzoni hanno accompagnato con il suono dei loro strumenti alcuni momenti della solenne celebrazione liturgica officiata dal nostro parroco don Mauro, contribuendo così ad onorare attraverso le armoniose melodie prodotte dai loro strumenti musicali la Santa loro patrona.

 

Ma chi era Santa Cecilia? Breve nota storica

Secondo la tradizione Cecilia era una nobile fanciulla romana, sposata per volere dei genitori a Valeriano. Cecilia decise di comunicare al marito il suo voto di perpetua verginità, riuscendo a convertire l'uomo al cristianesimo insieme al fratello di lui, Tiburzio. Entrambi furono poi sottoposti al martirio. Cecilia stessa sfuggì più volte al martirio, fino a quando non fu arrestata e processata. Condannata alla decapitazione, secondo la leggenda ricevette tre poderosi fendenti dal carnefice, senza che la sua testa cadesse recisa: aveva domandato e ottenuto la grazia di rivedere il pontefice prima di morire, continuando per tre giorni a professare con coraggio e fermezza la propria fede.

Il suo cadavere venne sepolto nelle catacombe di San Callisto. Alcuni secoli dopo, nell'821, il suo corpo fu rinvenuto intatto nelle catacombe e le sue reliquie furono fatte trasportare da papa Pasquale I nella Basilica di Santa Cecilia in Trastevere. Anche se non si conosce il motivo, a partire dal tardo Medioevo Santa Cecilia, la cui memoria liturgica cade il 22 novembre, è venerata come patrona della Musica, dei cantanti e dei musicisti. Nel 1599, durante i lavori di restauro della basilica in occasione del Giubileo del 1600, il sarcofago contenente il corpo della santa venne ritrovato in ottimo stato di conservazione. Venne allora commissionato a Stefano Maderno (1566-1636) una statua che riproducesse l'aspetto e la posizione del corpo di Cecilia così com'era stato trovato, statua che ancora oggi si trova sotto l’altare centrale della chiesa.

Il capolavoro di Stefano Maderno conservato presso l'altare maggiore della basilica di Santa Cecilia in Trastevere. Lo scultore, che vide il fragile corpo di Cecilia rinvenuto in occasione del restauro della basilica a lei dedicata, la ritrasse fedelmente e con il segno della decapitazione sul collo.

Il capolavoro di Stefano Maderno conservato sotto l'altare maggiore della basilica di Santa Cecilia in Trastevere. Lo scultore, che vide il fragile corpo di Cecilia rinvenuto in occasione del restauro della basilica a lei dedicata, la ritrasse fedelmente e con l'evidente segno della decapitazione sul collo.

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1