UA-74246219-1

Domenica 6 Novembre - Il ricordo dei Caduti di tutte le guerre

Le autorità e i partecipanti al corteo fanno il loro ingresso nel Tempio


La cerimonia in piazza Amato Re al termine della solenne funzione


 

La tradizionale ricorrenza del 4 Novembre, in cui si celebra il 98° anniversario della vittoriosa conclusione della prima guerra mondiale, è stata festeggiata nella giornata di oggi, domenica 6 novembre, con una solenne cerimonia con la quale si è voluto rendere il doveroso omaggio ai Caduti di tutte le guerre originari del nostro paese e ricordare il loro sacrificio per la Patria.

Il corteo si è formato come ogni anno davanti al municipio, preceduto dai musicisti della Banda "Del Val-Pegorini", dal Gonfalone del nostro Comune, decorato di Medaglia di Bronzo al valor militare per l'attività partigiana, e dalle insegne delle Associazioni combattentistiche e d'arma. Seguivano le bandiere le autorità civili e militari del nostro paese, con in testa il sindaco Manola Gruppi, il vicesindaco Angela Fagnoni, il comandante della stazione dei Carabinieri maresciallo Luciano Salatino, e una folta schiera di cittadini e congiunti dei Caduti.

Una volta raggiunta la piazza, i partecipanti al corteo hanno fatto ingresso in Chiesa per assistere alla celebrazione della Santa Messa in suffragio dei Caduti presieduta dal nostro parroco don Mauro, con cui è stata onorata la memoria di tutti quei valorosi combattenti i cui nomi sono scolpiti sui marmi presso il "Luogo della memoria", la Cappella del nostro Cimitero dedicata ai Caduti di tutte le guerre. La celebrazione liturgica è stata accompagnata dai canti eseguiti dai cantori del Coro "La Torre".

Al termine della funzione, i partecipanti sono usciti dalla chiesa e si sono recati davanti al Monumento ai Caduti per rendere ai combattenti l'onore dovuto con l'alzabandiera e la deposizione di due corone d'alloro, cui ha fatto seguito la benedizione del monumento da parte di don Mauro. La Banda musicale ha accompagnato questo emozionante momento con l'esecuzione dell'Inno di Mameli La leggenda del Piave, un canto quest'ultimo che ben riassume tutto lo svolgersi di una vicenda gloriosa conclusasi proprio in questi giorni, quasi cento anni or sono, con la mirabile vittoria ottenuta dopo un lungo periodo di guerra segnato da innumerevoli sacrifici ed autentici eroismi.

Una volta terminata la cerimonia in piazza, i partecipanti hanno riformato il corteo per raggiungere il cimitero comunale, dove sono state benedette le tombe dei partigiani, onorate da mani pietose con la deposizione di mazzi di gladioli rossi, e sono state deposte altre due corone d'alloro presso la Cappella che raccoglie la memoria dei Caduti.

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1