UA-74246219-1

Il terzo incontro del corso "Navighiamo nella Bibbia", al centro dell'attenzione la vicenda di Rut

Emile Levy (18126-1890), Rut e Naomi. Rouen, Musée des Beaux-Arts.

Si è svolto nella serata di ieri, venerdì 17 novembre, il terzo appuntamento di "Navighiamo nella Bibbia", il ciclo di incontri dedicati allo studio e all'approfondimento della Bibbia organizzato dalla nostra parrocchia. Nel corso degli incontri, curati dal dottor Domenico Bergonzi, esperto conoscitore delle Sacre Scritture, tutti coloro che lo desiderano hanno la possibilità di accostarsi al testo sacro per riscoprire, capire meglio e approfondire la conoscenza della Bibbia, il più antico libro storico esistente, il testo sacro della religione ebraica e di quella cristiana. La partecipazione agli incontri, lo ricordiamo, è gratuita e aperta a tutti gli interessati. Il prossimo incontro si terrà venerdì prossimo 24 novembre, sempre alle ore 21.00, e sarà dedicato alla vicenda di Sara, Agar e al sacrificio d'Isacco.

La breve storia descritta dal libro di Rut, uno dei testi più brevi della Bibbia, essendo costituito da appena 4 capitoli, racchiude uno degli insegnamenti chiave nella storia della salvezza: il Signore riesce a compiere cose grandi con gli strumenti più piccoli e a volte più impensabili.

Il libro, la cui redazione si può collocare verso la fine del V secolo a.C., è ambientato al tempo dei Giudici, subito dopo la conquista da parte degli Israeliti della terra di Canaan, e narra una vicenda familiare che s'incentra sulla figura di Rut, una donna straniera di Moab che ha sposato un ebreo emigrato nel suo paese. Rut, dopo essere rimasta vedova del marito, a sua volta decide di lasciare la sua terra e di recarsi nella terra d'Israele, scegliendo fedelmente di restare accanto all'anziana suocera Noemi, anche lei rimasta vedova del marito. Dopo essere tornata al villaggio di origine della suocera, a Betlemme, quel piccolo villaggio di Giuda da cui nascerà il futuro Messia, Rut è intenta a spigolare presso un campo quando incontra un parente del suo defunto marito, Bòaz, che inaspettatamente è disposto a sposarla per riscattarla dalla disperazione. Questo piccolo episodio s'innesta attraverso la discendenza di Rut in una trama assai più importante: da Obed, figlio di Bòaz e Rut, nascerà infatti Iesse, padre del re Davide, e dalla stirpe davidica discenderà poi il Messia.

Filo conduttore di questi eventi è il fortissimo legame che si stabilisce tra la giovane vedova e sua suocera Noemi, un legame che farà sì che le due donne non si separino neanche nel momento più disperato. La pietà filiale e la devozione verso i parenti, l’apertura e l’accoglienza nei confronti dello straniero, la solidarietà e la vicinanza alle persone più in difficoltà e la riconoscenza al Signore per la grazia della fede sono gli insegnamenti sempre ricchi e attuali di questo libro.

Pubblichiamo di seguito alcune interessanti diapositive relative al terzo appuntamento, incentrato sulla vicenda di Rut, del corso "Navighiamo nella Bibbia".

 

no images were found

 

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1