UA-74246219-1

Grest 2018, tre gite per triplicare il divertimento

Tutti lo sappiamo bene... la gita è sempre un momento assai speciale e molto atteso da grandi e piccini. Era così qualche decennio fa, quando i viaggi e le vacanze non erano così frequenti e prolungate come al giorno d'oggi, ma la particolare aspettativa che da sempre circonda queste avventure in compagnia all'insegna del divertimento e della spensieratezza non è venuta meno neppure in questi ultimi tempi, segnati da cambiamenti così profondi e rapidi del nostro modo di vivere. Non stupisce perciò la grandissima partecipazione che hanno riscosso le tre gite proposte durante il Grest di quest'anno, che hanno sempre visto partire senza un solo posto libero i due pullman solitamente noleggiati per la bisogna, carichi a volte di bambini un po' assonati per il risveglio anticipato ma comunque entusiasti e pronti per vivere a pieni polmoni una giornata diversa dal solito.

Acquaworld, puro relax e divertimento. - Grande era l'attesa e l'aspettativa che circondava la prima gita del Grest, svoltasi venerdì 15 giugno. Tutti erano pronti e scalpitanti, pensando all'ormai prossima partenza, ma l'allegra comitiva ha dovuto giocoforza attendere qualche tempo perché i due pullman non erano ancora arrivati, cosa che non ha scoraggiato più di tanto... in fondo, come ben si sa, "l'attesa aumenta il piacere". Finalmente, dopo aver salutato i genitori e i nonni che attendevano pazienti in piazza, ecco la partenza alla volta di Acquaworld, famoso parco acquatico in provincia di Monza. Il breve viaggio è stato allietato da canzoni di Rovazzi e Fedez, cantate a squarciagola dai bambini. Una volta arrivati a destinazione, i vari gruppi sono partiti all'avventura, alla scoperta dei mille scivoli e delle innumerevoli attrattive offerte del parco. La pausa pranzo è stata ancora una volta animata da canti e balli, mentre il pomeriggio è filato via allegro tra scivoli e bagni in piscina (alla fine anche il Cisco ha fatto il bagno e forse, almeno così si sussurra, anche alcuni scivoli). Al ritorno sui pullman non hanno trovato posto né chiacchiere né canti: tutti dormivano, stanchi ma felici, al termine di una giornata vissuta intensamente.


A Leolandia divertimento assicurato per tutti. - Nella mattinata di martedì 19 giugno due pullman stracarichi hanno lasciato il nostro paese alla volta di Capriate San Gervasio (Bergamo), dove si trova il parco di divertimento di Leolandia, uno dei più amati d'Italia. Tutti i ragazzi del nostro Grest, grandi e piccoli, sono stati conquistati dalla straordinaria atmosfera che si respira nel parco, che non è esagerato definire per certi versi fatata o fiabesca! I più piccini hanno avuto la straordinaria opportunità di incontrare tanti personaggi dei loro cartoni preferiti, ma le emozioni non sono certo mancate anche per i più grandi, grazie alle numerose giostre e attrazioni, in tutto sono più di quaranta, che hanno assicurato a tutti l’atteso divertimento. Particolarmente interessanti quelle che riprendono i concetti o le forme di alcune delle più sensazionali invenzioni lasciate dal genio di Leonardo da Vinci nei suoi disegni oppure il viaggio alla scoperta del parco attraverso il trenino che lo percorre per tutta la sua superficie. Leolandia non è però soltanto un luogo di svago e divertimento: il parco garantisce infatti un’ampia offerta formativa attraverso la presenza di una piccola fattoria che ospita non solo i tipici animali dell’aia, ma anche animali assai rari e un gran numero di colorati e ciarlieri pappagalli che si esibiscono in un simpatico show, l’acquario, con diversi habitat marini in cui nuotano oltre 50 specie di pesci, senza dimenticare il Museo di Leonardo, un coinvolgente percorso multimediale che permette di osservare da vicino le fedeli ricostruzioni di alcune macchine, plastici e opere pittoriche leonardesche, tra cui non poteva certo mancare la famosissima Gioconda. Ma la vera attrazione, la vera marcia in più di questo parco, è senza dubbio, almeno a giudizio di chi scrive, la famosissima Minitalia, un grande classico completamente rinnovato. La storica attrazione, con 160 riproduzioni in scala dei monumenti più belli del nostro Paese, permette ai bambini di scoprire i monumenti più famosi e rinomati del nostro paese.



Stesso Grest, stesso River. - L'ultima gita in programma, che si è svolta giovedì 28 giugno, ha avuto invece come meta un luogo non troppo distante da Pontenure ma anch'esso capace di offrire divertimento e attrazioni in grado di soddisfare pienamente i gusti di tutti, il River Park di Rivergaro, meta d'obbligo per ogni Grest pontenurese che si rispetti. Grazie alla vicinanza del parco, nessuna autostrada da prendere e lunghe code da affrontare prima dell'ingresso, tutto il tempo risparmiato è stato per così dire assai proficuamente impiegato, come spericolate discese sugli scivoli e in gommone, bagni in piscina e nuotate mentre venivano create le onde giganti, giochi in compagnia e relax sotto il caldo sole di giugno. I circa ottanta bambini e la ventina di educatori che li accompagnavano hanno goduto delle numerose attrattive offerte dal parco, con piscine e scivoli adatti ad ogni età, dai più bimbi piccoli a quelle più grandi, che vogliono magari provare emozioni più forti. Come sempre accade, assai grande è stato per tutti il rammarico quando la giornata, come tutte le cose belle, è giunta al termine, tristezza mitigata però dalla "promessa" di tornare ancora con il Grest, anche se la prossima estate. Il conto alla rovescia per qualcuno è già iniziato!

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1