Il Catechismo ai tempi del coronavirus corre sulla rete

Se in questi giorni di emergenza sanitaria bambini e ragazzi stanno già seguendo da tempo le lezioni scolastiche online, anche il Catechismo prosegue la sua attività, sia pure con modalità assai diverse dal solito, perché lo scopo rimane sempre lo stesso, introdurre e accompagnare i bambini all'incontro personale con Gesù nella comunità cristiana. Accogliendo l'invito del coordinatore del Catechismo, Angelo Premoli, i catechisti delle varie classi si sono infatti organizzati in queste settimane per essere vicini ai bambini loro affidati attraverso svariate iniziative. I bimbi di Prima Elementare ad esempio ricevono dai catechisti disegni e piccole attività da fare attraverso il Gruppo Whatsapp in cui sono inseriti i loro genitori, quelli di Quinta Elementare si ritrovano ogni settimana tramite la chat di Skype; a loro si sono aggiunti di recente anche quelli di Quarta, che si sentono attraverso le medesime modalità. I catechisti di Prima Media hanno sollecitato i ragazzi ad aprirsi, chiedendo loro di scrivere un pensiero personale sulla situazione, su come stanno e come vivono questo tempo. I ragazzi di Seconda Media ricevono invece spunti di riflessione e svolgono le loro attività tramite la piattaforma Classroom, nell'attesa di potersi tornare a riunire tutti assieme in Oratorio e di partecipare all'Eucarestia domenicale, che molti di loro seguono per adesso attraverso la diretta streaming. Ogni settimana, durante la santa messa delle ore undici, vengono inoltre lette le preghiere del perdono e dei fedeli composte su invito dei catechisti dai bambini stessi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1