UA-74246219-1

Il nostro Parroco - Don Mauro Tramelli

Il canone 519 del Codice di diritto canonico descrive così il ministero del parroco nel contesto della vita ecclesiale:

«Il parroco è il pastore proprio della parrocchia affidatagli, esercitando la cura pastorale di quella comunità sotto l'autorità del Vescovo diocesano, con il quale è chiamato a partecipare al ministero di Cristo, per compiere al servizio della comunità le funzioni di insegnare, santificare e governare, anche con la collaborazione di altri presbiteri o diaconi e con l'apporto dei fedeli laici, a norma del diritto.»

Don Mauro Tramelli, il nostro attuale parroco, nasce a Borgonovo Val Tidone (Piacenza) il 25 giugno 1959. Viene ordinato sacerdote l'11 giugno 1988 a Piacenza, presso il parco della Galleana, dall'allora vescovo di Piacenza monsignor Antonio Mazza. Subito dopo l'ordinazione presbiterale, viene inviato come curato presso la parrocchia cittadina del Preziosissimo Sangue, dove rimane ad esercitare il suo ministero fino al 1996. In quell'anno il vescovo di Piacenza Luciano Monari lo nomina parroco della parrocchia di Santo Stefano martire di Niviano (comune di Rivergaro) e amministratore delle parrocchie di Suzzano, Statto, Fiorano, Pigazzano e Scrivellano. Molto amato e stimato dai suoi parrocchiani, nel corso della sua permanenza a Niviano provvede a terminare i lavori di costruzione della nuova chiesa e a completare il suo arredamento e decoro interno. Grazie alla sua intraprendenza pastorale rende possibile il recupero e la riapertura al culto dei fedeli dell’antica chiesa di Fiorano di Travo. Membro del Consiglio di amministrazione della Casa di Riposo "Giuseppe Gasparini" di Pieve Dugliara, svolge questo compito con scrupolo, umanità e senso di responsabilità. Il 3 ottobre 2014 viene nominato dal nostro attuale vescovo monsignor Gianni Ambrosio parroco di Pontenure in sostituzione di don Fausto Arrisi, nominato contestualmente nuovo parroco di Podenzano. Il 21 novembre 2014, don Mauro fa il suo ingresso ufficiale nella nostra parrocchia con una solenne cerimonia presieduta da monsignor Ambrosio, prendendo canonicamente possesso della nostra parrocchia. Di seguito proponiamo una galleria fotografica con alcuni scatti di quel giorno così importante e significativa per la nostra comunità.


 

«Sinite parvulos venire ad me», «lasciate che i fanciulli vengano a me», così recita il Vangelo di Marco (10,14) riportando la risposta di Cristo ai suoi discepoli. – Nell'opera pastorale svolta in questi anni da don Mauro grande importanza riveste l'attenzione nei confronti dei bambini e dei ragazzi, come ben testimoniato da questa suggestiva fotografia che ritrae il nostro parroco sull'altare circondato dai bambini del Catechismo durante il momento più sacro e solenne della Santa Messa.


 «È qui dunque lo scopo più importante della formazione scout: educare. Non istruire, si badi bene, ma educare; cioè spingere il ragazzo ad apprendere da sé, di sua spontanea volontà, ciò che gli serve per formarsi una propria personalità» (Robert Baden-Powell). – Altrettanta importanza riveste per don Mauro lo scoutismo, che con i suoi valori umani e cristiani aiuta i ragazzi a crescere nella fede. Non è raro infatti vedere don Mauro celebrare la Santa Messa con il fazzolettone scout ben annodato intorno al collo.

×
Menù
UA-74246219-1