Il santo del mese – Sant’Angela Merici

Il santo del mese - Sant'Angela Merici

Religiosa - (27 Gennaio)

di Anna Maria Canopi, testo tratto dalla collana I Santi nella Storia

Sant'Angela Merici, la mistica che rivoluzionò l'educazione delle donne.

Nata tra il 1470 e il 1475 a Desenzano del Garda, Angela trascorre l'infanzia e l'adolescenza nella cascina delle Grezze, tipica abitazione contadina del tempo, circondata da campi e isolata dal mondo, E' qui che alla sera, nella grande cucina, ella ascolta dal padre la lettura delle vite dei santi, tra le quali ebbe certamente un posto di grande rilievo la leggenda di Sant'Orsola.

Ben presto e ripetutamente la morte bussa alla porta di quella casa. Infatti, nel volgere di pochi anni muoiono ad Angela tre fratelli maggiori ed entrambi i genitori. Con l'unica sorella rimasta viene amorevolmente accolta dagli zii Biancossi. Questo significa per loro lasciare il paese natale e recarsi a Salò, lasciare un luogo amato e carico di ricordi per andare in una cittadina ricca e mondana. Angela in particolare avverte il disagio del cambiamento. Essendo di indole serena e affabile, si attira la simpatia e la benevolenza di tutti; tuttavia tende ad appartarsi, a nascondersi tra i pergolati, a costruire quasi per gioco, piccoli eremi.

Questa sua propensione al silenzio e al raccoglimento non le impedisce di essere vitalmente inserita nella società, di cui poco a poco conosce le tante forme di povertà materiali, morali e spirituali, e i problemi più "scottanti", come ad esempio il progressivo e inesorabile isolamento delle donne. Anche questo è un periodo triste della storia: vite miseramente abbruttite e stroncate dal vizio, dal gioco, dalla passione, liti tra i cittadini, lotte partitiche sono le notizie di cronaca quotidiana. Al culmine, avviene la tragica insurrezione guidata da Gastone de Foix, quel "carnevale di lacrime di sangue" che in un giorno e una notte rende quasi deserta la città di Brescia: le fonti parlano di undicimila vittime. Anche all'interno della Chiesa vi era disordine e degrado morale, in particolare proprio la dove la vita religiosa dovrebbe maggiormente risplendere, tra il clero e i monasteri.

In questo quadro squallido , spiccano per santità alcuni laici cristiani: Angela fa parte di questa nobile schiera. Già positivamente segnata dalla educazione religiosa ricevuta in famiglia, nella prima giovinezza ha una visione "vocazionale" che orienta tutta la sua vita: "Alla stagione della mietitura, mentre le compagne facevano merenda, lei di metteva in disparte per pregare. Un Giorno che era assorta in preghiera, le parve che si schiudesse il cielo e ne scendesse una processione meravigliosa, di angeli e di vergini, alternati a due a due; gli angeli suonavano diversi strumenti musicali mentre le vergini cantavano. Il motivo era così distinto che ella lo ritenne a mente così da saperlo poi cantare. Snodandosi la processione, le venne incontro una vergine nella quale riconobbe la sorella morta da poco, dopo una breve vita virtuosa. Arrestatosi il corteo, ella le predisse che Dio voleva servirsi di lei per istruire una Compagnia di vergini".

Sentendo il bisogno di un sostegno spirituale, veste il saio come terziaria francescana; si nutre assiduamente di Parola di Dio e di eucaristia e ne è talmente trasformata da destare stupore e ammirazione per la sua sapienza spirituale e per la sua bontà. Angela infatti non ha istruzione, non ha frequentato le scuole; forse ha appreso a leggere standosi seduta accanto al Padre che leggeva le vite dei santi per tutti ad alta voce. La sua sapienza attira predicatori e teologi desiderosi di sentire le sue esposizioni, e si riflette nel suo Testamento spirituale e nei Ricordi, che dettò ad la Agostino Cozzano, come pure nella Regola, composta per Compagnia delle vergini: testi semplici, intessuti di numerose e appropriate citazioni scritturistiche che denotano una conoscenza viva della Parola di Dio. Angela Merici è così un esempio quanto mai eloquente della fecondità della Lectio divina - lettura pregata della Sacra Scrittura - che il Concilio Vaticano II ha riproposto all'attenzione di tutti i cristiani.

Il suo desiderio di purificazione di conversione si esprime anche nel fare frequenti pellegrinaggi. Indimenticabile fra tutti quello in Terrasanta da lei ardentemente desiderato per poter "vedere con propri stessi occhi" la terra di Gesù. Lungo il viaggio improvvisamente diventa cieca, ma non desiste. Donna agile e intraprendente, incurante dei disagi e avvezza alle fatiche, ora deve essere condotta per mano... Lei stessa commenta: "Non riuscite a capire che questa cecità mi è stata mandata proprio per il bene della mia anima?" Giunta sul luogo tanto sospirato, quella cecità, lungi dall'essere un impedimento al suo pellegrinaggio, le permette di rivivere con mistica partecipazione le tappe della vita di Gesù e sulla via del ritorno in patria - o, secondo altre fonti poco dopo io suo rientro - Angela riacquisterà miracolosamente, la vista. Si giunge così al 1527, quando ella, stremata da fatica e dolore, cade gravemente malata , al punto che si teme la sua morte...

In realtà l'ultima pagina della sua santa vita resta ancora da scrivere. All'improvviso recupera le forze e può riprendere il suo servizio. A questo punto il suo prudente e illuminato confessore, Padre Serafino da Bologna, insiste con lei perché dia vita a quella "Compagnia delle vergini" di cui ha avuto intuizione fin dalla giovinezza. Angela esita un poco, poi acconsente. Moltissime in quell'epoca erano le donne che non potevano essere ne spose ne monache (unica forma di vita religiosa femminile ammessa). Il loro destino era drammaticamente segnato dalla emarginazione e dall'abbandono fino alla mendicità. Proprio per loro Angela ripropone, attingendola direttamente dalla Sacra Scrittura, la condizione sociale di "vergini consacrate nel mondo". Non una soluzione di ripiego, ma una libera scelta di vita che risale alle origini della Chiesa.

Sant'Angela Merici detta la Regola alle prime consorelle Orsoline; dipinto del XVII secolo, Brescia, Centro mericiano.

Convocate alcune donne a lei molto legate, Angela espone loro l'ideale della nuova Compagnia di Sant'Orsola, che avrà inizio ufficialmente il 25 novembre 1535. Il suo intento è - come si legge in un antico documento - di "seminare piante di verginità tra le spine del mondo". La parola d'ordine è semplice: santificare se stesse per santificare la famiglie e la società. bene che non si tratta di vivere un idillio, ma di affrontare nel mondo la battaglia della fede e del buon costume. Le vergini consacrate dovranno essere unite per "essere torre inespugnabile contro tutte le avversità, persecuzioni e inganni diabolici". Alle responsabili dice: "State in guardia e specialmente abbiate cura che siano unite e concordi di volere, come si legge degli apostoli e altri cristiani della primitiva Chiesa".

Presentendo, ad un certo punto, la fine, nei suoi Ricordi lascia alle sue figlie un messaggio di fede e di amore. Separata da loro con il corpo, sarà ancor più vicina a loro con lo Spirito: "Jesu Christo per sua bontà immensa mi ha aletta di essere matre et viva et morta di così nobil compagnia. Et io sempre sarò in mezzo a voi".

Condividi sui tuoi social

Redazione Sito

L'account di gestione ufficiale della Redazione del nostro Sito parrocchiale, responsabile della gestione del sito web e dei canali social.