UA-74246219-1

San Pietro Apostolo, il nostro Patrono

Il grande dipinto ad olio raffigurante San Pietro risalente al XVIII secolo appeso sulla parete del presbiterio.

Il grande dipinto ad olio raffigurante San Pietro risalente al XVIII secolo collocato presso la parete di fondo del presbiterio.

Dal Messale Romano:

Pietro, scelto da Cristo a fondamento dell'edificio ecclesiale, clavigero del regno dei cieli (Matteo 16,13-19), pastore del gregge santo (Giovanni 21,15-17), confermatore dei fratelli (Luca 22,32), è nella sua persona e nei suoi successori il segno visibile dell'unità e della comunione nella fede e nella carità. Gli apostoli Pietro e Paolo sigillarono con il martirio a Roma, verso l'anno 67, la loro testimonianza al Maestro. 

Patrono: papi, ingegneri, pescatori, muratori, orologiai, le città di Roma, Brema, Colonia, Ratisbona, Philadelphia, Las Vegas e San Pietroburgo

Etimologia: “Pietro”, derivato dal greco Petros, per traslitterazione dall'aramaico Kefa, che significa "roccia", "pietra"

Attributi: le chiavi, la barca, le catene, il gallo, il libro, la croce capovolta del martirio, la triplice croce pastorale

Dal Martirologio Romano: 

29 giugno, Solennità dei santi Pietro e Paolo ApostoliSimone, figlio di Giona e fratello di Andrea, primo tra i discepoli professò che Gesù era il Cristo, Figlio del Dio vivente, dal quale fu chiamato Pietro. Paolo, Apostolo delle genti, predicò ai Giudei e ai Greci Cristo crocifisso. Entrambi nella fede e nell’amore di Gesù Cristo annunciarono il Vangelo nella città di Roma e morirono martiri sotto l’imperatore Nerone: il primo, come dice la tradizione, crocifisso a testa in giù e sepolto in Vaticano presso la via Trionfale, il secondo trafitto con la spada e sepolto sulla via Ostiense. In questo giorno tutto il mondo con uguale onore e venerazione celebra il loro trionfo.

"Al veder questo, Simon Pietro si gettò alle ginocchia di Gesù, dicendo: «Signore, allontanati da me che sono un peccatore». Grande stupore infatti aveva preso lui e tutti quelli che erano insieme con lui per la pesca che avevano fatto; così pure Giacomo e Giovanni, figli di Zebedèo, che erano soci di Simone. Gesù disse a Simone: «Non temere; d'ora in poi sarai pescatore di uomini». Tirate le barche a terra, lasciarono tutto e lo seguirono." (Luca 5,8-11)

Grande immagine a tempera collocata sulla parete di sinistra del presbiterio, secolo XX (foto Giorgio Cammi-Badini Romano)

La vocazione di San Pietro, grande immagine a tempera collocata sulla parete di sinistra del presbiterio, secolo XX (foto Giorgio Cammi-Badini Romano)

"Rispose Simon Pietro: «Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente». E Gesù: «Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli. E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli»." (Matteo 16,15-19)

scansione0009

La consegna delle chiavi, grande immagine a tempera collocata sulla parete di destra del presbiterio, secolo XX (foto Giorgio Cammi-Badini Romano)

Una bella vista della statua del nostro Patrono San pietro Apostolo, alla sua sinistra il grande quadro a lui dedicato che domina la parete del presbiterio.

Preghiera a San Pietro

Glorioso Apostolo Pietro,
ci rivolgiamo a te,
con la certezza di essere
compresi ed esauditi.
Tu che chiamato dal Signore,
con generosità lo hai seguito
e, divenuto suo discepolo,
primo fra tutti,
lo hai proclamato Figlio di Dio.
Tu che hai sperimentato
l’amicizia, sei stato testimone
della sua angoscia e della sua gloria.
Tu che, pur avendolo rinnegato,
hai saputo scorgere nel suo sguardo
l’amore perdonante.
Chiedi per noi al tuo Maestro e Signore
La grazia della sequela fedele.
E, se con certi nostri atti,
anche noi dovessimo rinnegare
il Cristo, fa che, come te,
ci lasciamo guardare da Lui
e, pentiti, possiamo ricominciare
il cammino della fedeltà e dell’amicizia
che concluderemo, insieme con te,
in cielo accanto a Cristo nostro Signore. Amen.

Premio San Pietro

La consuetudine di attribuire un premio denominato "San Pietro" durante la santa messa solenne organizzata per celebrare la festa del Patrono del nostro paese risale al lontano 1996, per iniziativa dell'allora parroco don Pierluigi Dallavallle. L'istituzione del premio da parte della parrocchia nacque con l'intento di segnalare e premiare gesti meritevoli o attività benefiche compiute da Pontenuresi o persone legate al nostro paese, ma anche da associazioni, famiglie e aziende locali.

L'attribuzione del premio era effettuata da un apposito comitato rappresentativo di tutta la comunità che esaminava le proposte e le segnalazioni giunte dai parrocchiani. Gli insigniti dovevano aver svolto attività benefiche a favore del nostro paese particolarmente meritevoli ed esemplari, particolarmente degne di riconoscimento per il positivo risvolto in ambito educativo, sociale, religioso ed economico. Questa bella consuetudine è stata portata avanti con impegno e valorizzata dal successore di don Pierluigi, don Giampiero Cassinari, durante tutti gli anni in cui è stato alla guida della nostra parrocchia, fino al 2007. In seguito la manifestazione è stata sospesa.

Il premio "San Pietro" venne assegnato per la prima volta il 29 giugno 1996 alla ditta RDB, attiva sul territorio comunale a partire dai primi anni del Novecento e la cui storia è strettamente intrecciata a quella del nostro paese. Tra i cittadini benemeriti premiati nel corso degli anni successivi si segnalano monsignor Silvio Losini, arciprete di Pontenure dal 1952 al 1977, la famiglia Raggio, per tutte le opere realizzate e per il suo costante impegno per favorire lo sviluppo e la crescita del nostro paese, monsignor Artemio Prati, nostro concittadino e vescovo di Carpi dal 1953 al 1983, lo storico sagrestano Gianni Mazzoni, i maestri Amato Parenti e Cecilia Ziliani, che per decenni furono colonne portanti della rivista parrocchiale "La Torre", don Giancarlo Dallospedale, missionario in Amazzonia, Carolina Schiavi Ansaloni, impegnata per decenni come catechista, educatrice e ministro straordinario dell'Eucarestia, ma anche le congregazioni religiose che per decenni hanno operato con dedizione sul nostro territorio come i padri dei Sacri Cuori del collegio della Bellotta, le suore rosminiane dell'Asilo "Clara Raggio" e le Figlie di Sant'Anna della Casa di riposo "Parenti". Non sono certo mancati riconoscimenti alle istituzioni benefiche o associazioni di volontariato (Casa di Riposo "Parenti", volontari della Pubblica di San Giorgio, Gruppo Scout, Gruppo Aido "Ettore Zanatti", Sezione Avis di Pontenure, Pro Loco, Gruppo Alpini) o a imprese da sempre legate al nostro territorio, tra le quali ricordiamo le ditte Valcolatte, Hermann Caldaie, FM Gru, Larini e Pagani.

Premi San Pietro 1996

Premi San Pietro 1996
Immagine 1 di 13

Albo d'oro degli insigniti (1996-2007)

Anno 1996:

Ditta RDB

Anno 1997:

Congregazione dei Padri dei Sacri Cuori della Bellotta

Anno 1998:

Congregazione delle Suore della Provvidenza Rosminiane dell'Asilo "Clara Raggio"

 Anno 1999:

Monsignor Silvio Losini - Maria Siliprandi - Giovanni Loschi (alla memoria)

Anno 2000:

Volontari Pontenuresi in servizio presso la Pubblica Assistenza di San Giorgio - Famiglia Raggio - Luisa Brandazza Fellegara

Anno 2001:

Sezione AVIS di Pontenure - Casa di Riposo "Francesco e Teresa Parenti" - Divio Anelli

 

Anno 2002:

Gruppo AIDO "Ettore Zanatti" - Ditta Hermann Caldaie - Famiglie dei bambini presi in adozione

Anno 2003:

Famiglia Panizzi - Ditta FM Gru - Monsignor Artemio Prati

Anno 2004:

Giovanni Mazzoni - Amato Parenti - Carla Camoni - Angelo Casella

Anno 2005:

don Giancarlo Dallospedale - Ditta Larini Giuseppe & C. - U.S. Pontenurese Calcio - Gruppo Scout Pontenure 1

Anno 2006:

Congregazione delle Figlie di Sant'Anna della Casa di riposo "Parenti" - Cecilia Ziliani Burzoni - Gruppo Alpini di Pontenure

Anno 2007:

Pro Loco di Pontenure - Impresa Pagani - Rita Parenti - Carolina Schiavi Ansaloni (alla memoria)

×
Menù
UA-74246219-1