Tra compiti e… magie, la quinta settimana del Centro Estivo OMI

Tra compiti e... magie, la quinta settimana del Centro Estivo OMI

Al Centro Estivo OMI, arrivato in questa prima settimana di luglio al suo giro di boa, resta sempre valido il vecchio motto latino Mens sana in corpore sano, dicevamo la volta scorsa. A confermare questo assunto, proprio a partire dalla settimana che si è appena conclusa, è cominciato per tutti i bambini delle Elementari e delle Medie l'appuntamento, atteso da alcuni e temuto da altri, con libri, astucci e quaderni, per lo svolgimento dei compiti delle vacanze. Sotto il vigile sguardo degli educatori, sempre pronti a controllare e nel caso a spiegare e correggere, i bambini svolgono tranquilli e sereni, al fresco dei loro ombrelloni, le consegne e i compiti assegnati da maestri e professori per il lungo periodo delle vacanze estive, dopo il più che meritato riposo del mese di giugno, con grande soddisfazione e sollievo da parte dei genitori. Come tutti ben sappiamo, è questa un'attività forse non molto amata dai più piccoli ma sempre necessaria, specie per non arrivare a settembre con i libri delle vacanze ancora intonsi e centinaia di pagine di esercizi da completare. 

Niente compiti, ovviamente, per i bimbi più piccoli, quelli dell'asilo, che con la chiusura delle Scuole materne hanno iniziato a frequentare in numeri sempre più consistenti il nostro Oratorio. Anche loro però non si annoiano di certo (come potrebbero?), anche perché sono coinvolti in un vero e proprio caleidoscopio di attività, laboratori e giochi, questa settimana ispirati in modo particolare al sempre magico mondo di Harry Potter. Tante le attività svolte in questi giorni: dalla colorazione degli stemmi delle quattro celeberrime casate di Hogwarts alla realizzazione di potentissime bacchette che non avranno forse il cuore di drago o di unicorno ma che farebbero, crediamo, morire di invidia perfino il signor Olivander, senza dimenticare il laboratorio di pozioni (senza il prof. Piton in agguato, però!), i combattutissimi duelli a colpi di Expelliarmus, e giusto per sgranchirsi un po' le gambe qualche appassionante partita a quidditch, sport che come ben sappiamo può essere divertente anche se non si utilizzano scope volanti! Tutte queste attività peraltro sono state sperimentate anche dai bambini più grandi in momenti diversi della giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *