UA-74246219-1

Una dozzina di ragazzi del Gruppo Giovani in trasferta a Montegallo per animare il Grest locale

Sono in tutto quasi mille i giovani provenienti da tutte le regioni d'Italia che in queste calde settimane estive hanno animato o animeranno i campi di formazione e servizio a favore dei bambini e dei ragazzi organizzati nelle zone terremotate della provincia di Ascoli Piceno dal servizio di Pastorale Giovanile della diocesi di Ascoli Piceno in collaborazione con l'associazione Laboratori di Speranza. Dal 2 luglio al 26 agosto, secondo un preciso schema che si ripeterà ogni settimana, i giovani volontari che hanno deciso di dedicare qualche giorno della loro estate a un'attività un po' diversa e fuori dagli schemi potranno vivere un'indimenticabile esperienza di crescita personale e attraverso la vicinanza ai bambini delle zone colpite dal sisma doneranno una grande testimonianza di carità e di vicinanza al prossimo.

Il gruppo di tredici giovani educatori della nostra parrocchia che in questi giorni stanno animando le attività organizzate presso Montegallo e i paesi limitrofi. Da sinistra a destra, in primo piano, Francesca, Sara, Angelo, Matteo, Andrea, Giulia. Dietro di loro, sempre da sinistra, Cassandra, Giulia, Luana, Beatrice, Sofia, Matteo, Edoardo e Alice.

Una bella galleria con tutte le attività svolte dai nostri ragazzi in questi giorni


 

Insieme a tutti questi giovani è presente a partire da domenica 23 luglio anche una rappresentanza della nostra parrocchia, una nutrita squadra di quattordici tra ragazzi e ragazze appartenenti al Gruppo Giovani che pur avendo appena terminato sei intense settimane di Grest parrocchiale non sono riusciti a sottrarsi dal partecipare a quest'attività benefica così importante e impegnativa. A guidarli e capitanarli anche in questa avventura è il solito Andrea Cisco, l’educatore professionista della cooperativa Creativ incaricato da qualche anno di coordinare le attività del nostro Oratorio.

L’idea di trascorrere una settimana dell’estate presso uno dei paesi del l’Italia centrale violentemente colpiti dal sisma dell’anno scorso risale alla visita compiuta nella nostra parrocchia nel febbraio di quest’anno da monsignor Giovanni D’Ercole, vescovo di Ascoli Piceno. I nostri ragazzi non si sono fatti certo pregare ed hanno risposto con sincero entusiasmo all'invito loro rivolto da monsignor vescovo e dal nostro parroco don Mauro Tramelli, preparando con attenzione nelle scorse settimane un gran numero di divertenti giochi, laboratori e tante altre attività da svolgere nel corso della loro trasferta in terra marchigiana.

Partiti da Pontenure nella prima mattinata di domenica, i nostri giovani sono arrivati in provincia di Ascoli Piceno dopo sei ore di viaggio con un aa macchina e il pullmino parrocchiale. Dopo aver fatto una breve visita ai vari paesi della zona, che recano ancora ben visibili i segni lasciati dalla furia distruttrice del terremoto, si sono incontrati con gli altri gruppi di giovani volontari che operano sul posto. Alla preghiera serale presso la chiesa di Castel di Lama, il paese che ospiterà i nostri giovani durante questa settimana in terra marchigiana, è seguita una ricca cena comunitaria a base di piatti e prodotti tipici delle varie regioni da cui provengono i ragazzi.

Il giorno successivo si è aperto con un incontro di presentazione da parte degli organizzatori: dopo aver fornito qualche indicazione utile su come affrontare quest'esperienza, i responsabili del progetto hanno invitato i ragazzi ad «essere presenti con il cuore» perché «noi siamo qui per le persone perché alle case e a tutto il resto ci pensano gli altri».

È quindi iniziato il loro servizio come educatori presso due diversi campi ubicati nei comuni di Montegallo e Cossignano, dove i ragazzi sono responsabili della conduzione delle varie attività giornaliere, ispirate ad un tema tratto dal noto romanzo fantasy Le cronache di Narnia di C. S. Lewis, e forniscono assistenza a due gruppetti composti da una ventina di bambini, organizzando giochi e laboratori, ma anche momenti di riflessione. Proprio con il paese di Montegallo il nostro comune ha stretto nel febbraio scorso un legame di fratellanza e solidarietà, contribuendo attraverso le offerte raccolte in occasione della cena benefica organizzata durante la visita di monsignor D'Ercole al finanziamento di un centro polivalente presso il paese di Uscerno, una delle tante frazioni del comune di Montegallo.

Condividi questa notizia con tutti i tuoi amici!

Parrocchia di Pontenure
UA-74246219-1