Domenica 29 Novembre, una prima domenica d’Avvento col nuovo messale

Domenica 29 Novembre, una prima domenica d'Avvento col nuovo messale

Domenica 29 novembre è stata la domenica di inizio del nuovo anno liturgico e dell'Avvento, ma è stata contrassegnata anche dal "debutto", in tutta la nostra Diocesi, della terza edizione del messale romano in italiano che, per i fedeli, consiste principalmente nella variazione del "Confesso", del "Gloria" e del "Padre Nostro" a cui si aggiungono variazioni per il sacerdote nel momento della Consacrazione e nella formula antecedente l'Eucarestia.

Questa domenica doveva essere anche l'inizio dell'anno catechistico con una messa comunitaria di tutti i bambini e ragazzi, ma vista la situazione ancora critica dell'epidemia, si è preferito annullarla e il catechismo, salvo diverse indicazioni, inizierà domenica 6 dicembre. Ogni domenica ci saranno solo due-tre classi di catechismo in Oratorio e in orari sfalsati, in questo modo ci si troverà solo una volta al mese, seguendo tutte le norme di igiene e di distanziamento previste.

Dopo i riti di introduzione della Messa, don Mauro ha acceso la prima delle 4 candele poste su dei candelabri circondati da rami di abete e da fiori che creano, ad opera d'arte, una suggestiva Corona dell'Avvento. Come avviene dallo scorso marzo per le messe domenicali e le solennità anche questa celebrazione è stata trasmessa in diretta streaming sulla pagina Facebook della nostra Parrocchia, a vantaggio di coloro che non possono uscire per malattia o preferiscono partecipare con la preghiera dalle proprie abitazioni.

Il Vangelo di questa prima domenica di Avvento ci ricorda più volte di vegliare e di rimanere in attesa del ritorno del Signore... un ritorno che non si sa quando sarà, ma che sicuramente ci sarà! Come ha detto Don Mauro nell'omelia, il vegliare è difficile e faticoso, ma riesce a farlo chi ha dentro di sé una speranza come le sentinelle che attendono l'aurora e gli innamorati che attendono l'amato/a. Questo periodo di Avvento è un periodo di attesa e di speranza, ma richiede anche il nostro impegno e il nostro desiderio nel voler incontrare l'unico vero Bene che è Gesù.

La Messa delle ore undici è stata animata dal Coro "Perfetta Letizia" che, distanziato correttamente e con le mascherine, ha aperto la funzione con il canto "Noi veglieremo" e alla Comunione ha cantato "Gesù verrà", canti che ribadiscono il desiderio  e l'invito della liturgia di vegliare, perché c'è la certezza del ritorno di Gesù come una luce che squarcia il buio della notte! Buon Avvento!

Una catechista

Questo slideshow richiede JavaScript.